martedì 22 marzo 2016

Il mixer mentale

Una metafora molto calzante di come mi figuro il processo di ascolto (e la differenza di percezione di chi ascolta con un colore  invece che in un altro) è quella del mixer.


La musica chiara è multitraccia: il nostro registratore mentale per apprezzarla deve usare più piste indipendenti.

La musica scura ha pochi canali (a volte uno solo).

La variabile legata al ritmo armonico percepito (o angolo di ascolto) è invece la frequenza di campionamento del nostro registratore. Quanto più spesso campioniamo le relazioni armoniche tanto più siamo spostati verso il blu/celeste.

Quanto più raramente campioniamo le relazioni armoniche (o anche mai) tanto più siamo spostati verso il rosso/rosa.

Nessun commento:

Posta un commento