martedì 28 gennaio 2014

David Bowie ed il terzo livello



In attesa di conoscere i risultati delle vostre scoperte :) due note per iniziare.

Ci sono due dischi di Bowie che sono sicuramente molto potenti per lo svolgimento del programma e dovrebbero risultare molto coinvolgenti a chi si sta avvicinando al terzo livello.
Parallelamente ci sono due dischi che potrebbero smettere di piacervi/dare fastidio man mano che svolgete il programma. Come al solito il tipo di fastidio dipende dal vostro livello di esperienza, può variare dalla leggera noia, allo sbadiglio, al giramento di testa, fino all'emicrania con annessa nausea (volendo essere precisi in me personalmente si attiva lo stesso riflesso di quando mi trovo all'improvviso di fronte ad un cattivo odore: arriccio il naso, socchiudo gli occhi, reclino leggermente il collo all'indietro - niente di grave alla fin fine).

Partiamo dalla parte construens.
Il disco più potente è secondo me (sorpresa) un disco di musica come definirla? discoteca? techno? jungle? Insomma si tratta di Earthling. Di fatto una specie di fusion dai suoni molto duri e dal ritmo veloce.
Altro disco potente è Aladdin Sane, soprattutto per la presenza di un interessante pianista jazz.

Arriviamo alla parte destruens.
I due dischi che potrebbero causarvi problemi sono, come i più perspicaci di voi avranno immaginato, due componenti della cosiddetta trilogia berlinese o "fase sperimentale" o "ha fatto tutto Brian Eno" cioè Low e Lodger.
Il terzo disco della trilogia (Heroes) è abbastanza ai limiti, fatemi sapere cosa ne pensate.
Mettiamola così, mentre i primi due io personalmente non riuscirei nemmeno ad iniziarli, Heroes non riuscirei a finirlo.

Per quanto riguarda il resto della discografia... de gustibus. Seguite le vostre inclinazioni ed il vostro istinto. Insomma fate come vi pare che è la nuova filosofia del metodo.

10 commenti:

  1. Ok, posto i miei primi 3 risultati, sennò pare che non sto facendo i compiti :P

    - David Bowie (album d'esordio): 2.0 nella prima parte, Door of perception nella seconda
    - Space Oddity: 2.5
    - Aladdin Sane: 2.5 (/ 3.0?). Molto potente, in ogni caso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sul primo album, il problema maggiore è che la voce di Bowie non mi convince. Non il timbro, ovviamente, ma il modo di sviluppare le melodie e di incastrarsi con l'arrangiamento. Crea qualcosa di non molto gradevole. Diciamo, manca di adeguato adattamento spaziale, più che temporale, però poteva essere resa meglio. Lo so, non è proprio un indice di sviluppo temporale o meno del brano, però ha giocato un certo ruolo di non poco peso, secondo me, nell'infastidirmi leggermente e non farmi apprezzare appieno la struttura delle canzoni. Tutto qui.

      Elimina
    2. Poi probabilmente so 'niorante io, che non so apprezzare quel tipo di impostazione vocale/modo di cantare. ;)

      Elimina
    3. Bravo! continua così.

      I numeri non li usiamo più che non servono a niente e ci fanno ridere dietro :D

      Elimina
  2. :D ok. ti dirò solo: potente, scarso, schifo, bello... ;)

    RispondiElimina
  3. Personalmente, a me il disco Heroes piace...se dovessi classificarlo, forse direi che è 2.0

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono state cambiate le categorie, c'era un errore. Gran parte di quello che prima chiamavo 2.0 ho scoperto essere 2.5.

      Elimina
    2. Ok! E questo in quale categoria rientra?

      Elimina
  4. Altro, Ziggy Stardust mi pare un Door of Perception. Ci sono momenti più alti, nel complesso è godibile, però è un terzo livello molto basso.

    RispondiElimina