sabato 6 luglio 2013

Secret files #3 - Le due percezioni

Uno dei motivi per cui il "modello" dei livelli di percezione non funziona perfettamente ed è relativamente spannometrico è che la musica vive in uno spazio a più dimensioni, in cui la creatività, il linguaggio non si possono ridurre ad una sola componente o variabile.

Un'altra è che anche la nostra capacità di ascolto vive in uno spazio che ha più dimensioni.
E' un fenomeno che oramai ho ben compreso auto-osservandomi da quasi due anni, ma non ne ho ancora parlato perchè mi sembrava superfluo.

Partiamo da un assunto che per me è fondamentale, mi ha aiutato molto per capire i cambi di percezione nel tempo.

La musica è l'arte di colorare il tempo. La musica si svolge nel tempo, nel tempo finisce e l'ascoltatore osserva il tempo.




Le due abilità di cui parlo e che si devono sviluppare parallelamente per raggiungere un pieno godimento di alcuni tipi di musica sono
1) la lunghezza di campionamento
2) la frequenza di campionamento

Della prima ho già lungamente parlato per tutto il sito, della seconda ho fatto solo accenno in un lontanissimo commento quando scrissi che la musica 3.0 o era leeeeeeeenta (e qui la 1 serve) o a volte era una cascata di note (e qui la 2 è indispensabile).

Supponiamo che la musica sia una stringa di informazioni alfanumeriche. Quindi una sola voce rappresentata da caratteri.

Chiamiamo S lo start e lo stop della nostra attenzione (memoria a breve? concentrazione? meditazione sul punto fisso? fate voi) e * il punto in cui riusciamo ad distinguere il significato di un suono dagli altri.

Il messaggio musicale per esempio è

dgajhdslfgkjhHLPHDfhpdaljf0eweu4r42u2fnvdsKgvbsagasjf023irjifIOdspkvmaspdkvgnpsod

Quando la abilità 1 è poco sviluppata l'ascoltatore affronterà il messaggio in questa maniera

dgajhdslfgkjhHLPHDfhpdaljf0eweu4r42u2fnvdsKgvbsagasjf023irjifIOdspkvmaspdkvgnpsod
S    S   S     S      S      S        S       S     S       S      S       S    S  

Quindi dividerà l'ascolto in frazioni molto piccole ed è come se la musica vivesse di frammenti e non di unità.

Quando l'abilità 1 è leggermente più sviluppata avremo un 

dgajhdslfgkjhHLPHDfhpdaljf0eweu4r42u2fnvdsKgvbsagasjf023irjifIOdspkvmaspdkvgnpsod
S             S      S      S              S     S              S       S       S 

Quando siamo degli ascoltatori molto abili

dgajhdslfgkjhHLPHDfhpdaljf0eweu4r42u2fnvdsKgvbsagasjf023irjifIOdspkvmaspdkvgnpsod
S                         S       S                               S             S

L'ascoltatore ideale invece fa questo

dgajhdslfgkjhHLPHDfhpdaljf0eweu4r42u2fnvdsKgvbsagasjf023irjifIOdspkvmaspdkvgnpsod
S                                                                               S

cioè ascolta senza prendersi pause, la lunghezza del campione è la stessa del brano. Questo è secondo me quello che ci fa passare verso le musiche 2.0+,  2.5, 3.0 e ci rende insensibili  alla ripetizione.

Ma esiste un altro fenomeno che determina poi all'interno del set unificato delle musiche che ho citato l'effetto che queste ci fanno.

dgajhdslfgkjhHLPHDfhpdaljf0eweu4r42u2fnvdsKgvbsagasjf023irjifIOdspkvmaspdkvgnpsod
S    *   *   *  *      *   *   *  * *        *   *   *  *    *   *   *  *     * S

Questo ascoltatore avrà una capacità di assorbire dettagli di suoni e note molto vicine fra di loro inferiore a chi invece ascolta così:                                                                                                                                    

dgajhdslfgkjhHLPHDfhpdaljf0eweu4r42u2fnvdsKgvbsagasjf023irjifIOdspkvmaspdkvgnpsod
S * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * S

Mentre l'ascoltatore ideale fa così


dgajhdslfgkjhHLPHDfhpdaljf0eweu4r42u2fnvdsKgvbsagasjf023irjifIOdspkvmaspdkvgnpsod
S*******************************************************************************S

Vuol dire che le informazioni gli arrivano con un tale dettaglio che suoni molto brevi, in particolare il numero di note, la velocità di esecuzione, la precisione di esecuzione, le sfumature di dinamica, timbro, il numero di voci non sono per lui un problema. Anzi riesce a percepire tutte le sfumature ed i significati legati a queste informazioni che l'artista è in grado di inserire nel messaggo musicale.

Normalmente io lego un primo segno di un timido aumento di questa seconda abilità alla diminuzione della paura del virtuosismo e alla diffidenza verso suoni sintetizzati ed elettronici utilizzati in maniera grossolana. In particolare la voce umana non intonata e la chitarra elettrica "sporca".

Quindi ogni ascoltatore ha sviluppata in grado diverso la prima e la seconda abilità ed è la combinazione delle due che genera l'unicità dell'esperienza (o la presunta soggettività).

Le due abilità sono indipendenti, quindi supponendo una discretizzazione delle due variabili e prendendone il prodotto cartesiano si evince che i veri gradi di percezione possono essere  facilmente nove, SEDICI  o addirittura venticinque o TRENTASEI. 

Inoltre è un insieme difficilmente ordinabile.

4 commenti:

  1. Caro Tony, eccomi tornato!!
    Purtroppo ho avuto una sessione d'esami molto impegnativa!! Ragion per cui non ho fatto l'esercizio di spaziare ma sono rimasto nella comfort zone dei miei amati pezzi 2.5, soprattutto ho sentito e risentito la bellissima settima sinfonìa di Shostakovic. Oggi riprendo a spaziare, inizio con John Coltrane e vediamo un po'!
    Ai tempi mi ero ascoltato un po' di Zappa, mi ricordo che alcune cose mi erano piaciute altre decisamente no. Ti farò sapere presto!!

    RispondiElimina
  2. Weeee Tony!!! Vedo che anche tu hai un po' "allentato" con i post...sarà colpa del caldo o sei già in vacanza?
    Passo per un saluto veloce e per una comunicazione.
    Oggi ho acquistato o meglio sono già arrivati da Amazon i seguenti dischi:
    - Piano Concerto Op. 54 -Schumann/Liszt
    - Piano Concertos K.414 & 491 (Concerti Per Pianoforte N.12, N.24) - Wolfgang Amadeus Mozart
    - Kind of Blue - Miles Davis
    Hai creato un mostro!!!

    RispondiElimina
  3. E' estate. Ci vuole relax.

    :D

    In questi giorni ho visto Fresu dal vivo che fa una fusion con molta elettronica (loop, effetti, wha) con il suo quartetto e sto ascoltando Mozart, Reich e ... Nightwish :D Nightwish - Imaginaerum 2011 (Full Album)

    RispondiElimina