martedì 30 aprile 2013

Risposta alla domanda di un lettore

Da un forum di musica classica mi hanno chiesto "A che serve tutto ciò? non mi ci ritrovo. Io conosco di tutto ed ascolto parte delle cose che citi e parte no".

La mia risposta è stata:




Ovvio che se conosci già tutta la musica che esiste e hai fatto le tue scelte puoi trovare tutto il giochino inutile.

Ma mettiti nei panni di chi passa la vita ad ascoltare un solo sottogenere e si perde nel marasma...

Il sistema che ho inventato funziona per me ed è un tentativo di spiegare come i miei gusti cambiano violentemente nel tempo, spesso anche nello spazio di 48 ore. Da un esperimento su un 50-60 ragazzi ho notato che funziona su molti (non su tutti beninteso).

Forse una cosa che dovrei spiegare meglio è che il LdP non è una cosa statica ma dinamica.

Quando sono molto stanco o molto distratto ascolto musica molto semplice anche io ma non è più lo stesso effetto di quando ero un pischello e si entusiasmava solo di quello.

Occhio che vale anche il viceversa, quando ero alle prime armi ascoltavo tanta classica, jazz, contemporanea ma non era la stessa goduria di ora.
Comunque è un po' che osservo le musiche che posti e sei largo circa al secondo livello di percezione.

Anche se in questo momento non hai l'orecchio (che poi non è l'orecchio ma semplicemente la capacità di concentrarsi) al massimo delle tue possibilità puoi godere lo stesso al massimo (e quindi capirle veramente molto) imparandotele a memoria.

Che poi è il sistema che usano tutti.

Anche io il 70/75% dell'anno che non sono certo al top.

Ho conosciuto persone di una certa età (ultraquarantenni) che sono sempre e costantemente con l'orecchio super. Sono dei nazisti intolleranti perchè hanno dimenticato completamente quello che provano le persone normali

Anche alcool ed ore di sonno influiscono sulla capacità di ascolto attivo.

Un paio di birre e finisco ad ascoltare persino i Radiohead pure io, mica sono superman.

17 commenti:

  1. Beh, mi sembra una risposta piuttosto chiara e soprattutto facilmente condividisibile.
    A proposito, i Radiohead dove li mettiamo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. fra 1.0,1.0+ e lo 1.5

      dipende dal brano dal disco, dal mal di panza di tom quel giorno

      Elimina
  2. Ahah!
    Vediamo se ho capito come funziona...analizziamo la discografia:
    Pablo Honey e The Bends 1.0
    Ok Computer e In Rainbows 1.5
    Hail to the Thief e The king of Limbs 2.0
    Kid A e Amensiac 2.0+

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho voglia di torturarmi ad ascoltare i radiohead.

      Fai conto che Exit music e Paranoid android sono le cose che più somigliano ad un brano musicale.

      Quindi ok computer a 1.0++ e le robe più rumoriste a 1.5

      Elimina
  3. Risposte
    1. I radiohead sono puro suono. E' molto improbabile che se ti fai un orecchio estensivo per la musica continueranno a farti effetto.

      Elimina
    2. Io uso solo due musicisti rock per allenarmi: Zappa e Santana.

      Gli altri non mi fanno niente.

      Elimina
  4. Zappa purtroppo lo conosco molto molto poco...sto iniziando ad approfondirlo adesso. Santana è DIO :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sai che è un po' che ci penso a promuoverlo (Santana) da 2.0+ a 2.5 ... siccome sono due anni che lo uso per allenarmi

      Elimina
  5. eh...non sarebbe una cattiva idea...anche se bisogna differenziare i vari stadi di Santana...sicuramente da promuovere il Santana di Soul Sacrifice e quel periodo...l'ultimo Santana (ad esempio Supernatural, con il quale mi sono divertito molto) arriva a stento a 2.0 forse.

    RispondiElimina
  6. ahah! ci sono delle cose carine anche là! però in effetti forse hai ragione

    RispondiElimina
  7. Senti Tony, secondo te è normale che un album come "In the court of the crimson king", quando arrivo ad "Epitaph", mi sembra noioso e mi cascano quasi del tutto gli attributi? Come mai provo una noia immonda ad ascoltare quel brano? Mi pare anche un peccato, perchè il resto me lo godo abbastanza bene - anche se, ad onor del vero, ascoltando "Lizard" mi è venuto maggior divertimento e piacere; è come se avessi percepito più varietà e freschezza rispetto a "In the court...". Tu cosa pensi a riguardo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lizard è di certo il disco più evoluto dei King Crimson ed è stato l'ultimo a "morire" quando ho fatto l'ultimo esperimento di discesa e salita quest'anno.

      Elimina
  8. "Lark's tongue in asprine" come lo giudichi invece?

    RispondiElimina
  9. "aspic", scusami, scivolone di scrittura XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne conservo un bel ricordo ma è stato uno dei primi ad abbandonarmi.

      Elimina