martedì 30 aprile 2013

Berg / Juilliard String Quartet, 1950: Lyric Suite for String Quartet - ...

Il più grande capolavoro di tutti i tempi?





21 commenti:

  1. Ciao Tony!
    Innanzitutto ti faccio davvero tantissimi complimenti per il blog!
    Arrivo un po' in ritardo ma cercherò con impegno di recuperare le lezioni perse ;)
    E' la prima volta che ascolto 28 minuti di musica classica e il fatto che sia riuscito ad arrivare fino alla fine direi che è già un ottimo risultato. Sono ancora alla ricerca del "mio livello" ma intanto ti chiedo, visto che ne abbiamo parlato in privato, gli Osanna dove li mettiamo?
    Saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao

      Gli Osanna sono 2.0+ cioè musica semileggera tecnicamente ben formata.

      Ti accompagneranno per il resto della tua vita nei momenti di stanchezza.

      Complimenti per l'ascolto di 28 minuti perchè una frazione di questi 28 minuti sono "dodecafonia" da manuale, il genere classico considerato più difficile da ascoltare.

      Elimina
  2. Non so dirti se mi sia piaciuto, ma sicuramente non mi è dispiaciuto e lo riascolterò più tardi.
    Ritornando agli Osanna, mi accompagnano già. Non li riascolto spesso ma averli scoperti e sapere che quando ne ho bisogno so cosa ripescare mi fa stare bene :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A te forse ti conviene allenarti già direttamente con roba classica e jazz e saltare il rock se non nei momenti di relax, zappa a parte che ti conviene approfondire.

      Elimina
  3. Allora ho iniziato il percorso corretto...dopo aver ascoltato due volte Berg mi sono lanciato su uno dei tuoi ultimi ascolti...Lester Young...FANTASTICO!

    RispondiElimina
  4. Carino questo quartetto... c'e' del senso dell'umorismo dentro, non si prende seriamente come altra musica dodecafonica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche Milton Babbitt ha fatto musica dodecafonica molto giocosa.

      Elimina
    2. a proposito io conosco la suite lirica grazie a 4 ragazze venute apposta dal Canada ;)

      Elimina
  5. La Penguin Café Orchestra si è ispirata parecchio a pezzi come questo: ci metti un ritmo più ripetitivo sotto, melodie semplici e quasi ci siamo.
    Berg però è più ironico: mi è venuto da ridere più 3 volte in 11 minuti.
    Effetto analogo ad alcuni pezzi vocali di Ligeti, di cui dimentico il nome.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero che la penguin cafè (2.0+)fa musica da camera ma i riferimenti sono più il minimal americano (John Adams, Riley, Reich).

      Sentite congratulazioni per aver ricordato (e fatto funzionare) i pezzi di Ligeti, Aventures e Nouvelle aventures.

      Elimina
  6. So che non c'entra molto, ma dopo aver ascoltato per tutto il giorno Berg, Chopin e Mozart, mentre tornavo a casa in auto ho rischiato di "scendere di nuovo" (per usare un termine molto amato dal nostro Tony). Per caso, ho trovato in auto "Ummagumma"...
    Ho scelto bene? Dove lo piazziamo? 2.0+?
    Premetto che ho sempre preferito i Pink Floyd più melodici e di conseguenza non ho mai amato "Ummagumma", che mi è stato regalato da un amico con la seguente motivazione: "te lo regalo perché so che non ti piace e questo mi è impossibile da credere".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ummagumma e the final cuto sono 2.0+, gli altri sono varianti di 1.5, 2.0, 1.0 e 1.0+. Ricordati che i livelli sono solo un modello, non è che si può davvero misurare la musica.

      I Pink Floyd fra i gruppi rock famosi sono fra quelli meno elaborati come scrittura in ogni caso, nonostante le enormi ambizioni e l'effetto "musica intellettuale" che fanno sull'ascoltatore casuale.

      Prima ero al supermercato e la radio ha passato tanta roba da classifica, poi due classici, il primo dei Deep Purple e il secondo di Hendrix.

      Hendrix mi ha dato un minimo di piacere.

      Elimina
  7. Risposte
    1. Bravo guaglione. Continua ad allenarti ed in pochi mesi raggiungerai il terzo grado di percezione.

      Elimina
  8. Nel senso che finirò per odiarlo? Ahah!
    Comunque in questi 2 giorni di musica classica sono rimasto folgorato dalle seguenti composizioni:
    Chopin: Ballade No. 1 in G minor, Op. 23
    Mozart: Piano Concerto No. 24 in C minor K 491 Allegretto
    Mozart: Piano Concerto in A minor, Op. 54: Allegro Vivace

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prova a fare questa cosa.

      Tipico di chi inizia. Il tuo primo esercizio potrebbe essere cercare di capire anche gli altri movimenti del concerto 24.
      Poi se vuoi andare sul pesante.
      Ascoltati una volta a settimana questi dischi:

      1) Brahms sinfonia numero 1
      2) Eric Dolphy - Out there
      3) Alban Berg - Suite lirica (il video che vedi)
      4) Rossini - Il barbiere di siviglia

      dovresti arrivare presto al 3.0

      Elimina
  9. Chopin l'ho beccato in radio, per Mozart ho seguito il tuo suggerimento alla "prima lezione" di febbraio 2012.
    Mi sono anche accorto che l'Op. 54 è di Schumann e non di Mozart ;)
    Segno quello che mi hai indicato, anche se per adesso Mozart mi piace particolarmente e prima di cambiare vorrei ascoltare qualcos' altro.

    RispondiElimina
  10. Inoltre volevo chiederti, mi sono accorto che ci sono diversi esecutori di queste composizioni. Hai qualcuno da suggerirmi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per il barbiere Luigi Alva ed Erman Prey fra i cantanti.
      Per Brahms Bohm.
      Per la lyric suite va bene quello di sopra.

      In generale sulle interpretazioni fra quelli famosi e bravi è questione di gusti.

      Elimina
  11. Ok, perfetto. Sai, almeno all'inizio ho bisogno di un po' di supporto. Proprio in questo momento sto ascoltando Schumann Op. 54 di cui parlavo sopra.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono due liste di dischi qua sopra.

      In generale i cofanetti DG, Sony e Decca sono ok.

      Poi il gusto sugli interpreti è una cosa molto personale, c'è molta qualità in giro, difficilmente si sbaglia. E per diventare 3.0 l'interprete è indifferente.

      Elimina