mercoledì 29 febbraio 2012

Pat è invece una persona seria

A paragone di Bill Frisell, con Pat Metheny non ho mai sbagliato a prendere un cd :)
Usa etichette discografiche diverse (o compagni diversi) per quando fa musica seria e quando fa musica leggera e lo dice anche
"Questo è un disco di jazz" o "questo è un disco di fusion o world music".

Poi si può discutere sul fatto che non sia al livello di altri grandi chitarristi jazz, ma non partecipa all'osteria dell'è tutta bella musica.
Tant'è che quando Kenny G ha fatto una cover di Louis Armstrong, si è alzato a difensore e talebano della tradizione e del rispetto della grande musica, intervenendo anche sui giornali e nelle scuole americane.

Il disco che consiglio oggi è Song X ... che ha le stesse sonorità del capitano quindi lo dedico a the burner che dovrà incominciare a "sostituire" le cose a cui è affezionato, tra cui appunto trout mask replica.

Io sono pieno di canzoni dei beatles risuonate da jazzisti che usano accordi pesi perchè non potevo più capire gli originali hahahahaha


4 commenti:

  1. ma si zio, con l'ornette c'è free: godo come un caimano!

    RispondiElimina
  2. Se ti disciplini tu sei destinato a diventare un grande esperto di musica contemporanea, uno di quelli che quando va alla biennale e c'è il nuovo Boulez, sarai uno dei primi ad accorgertene, mentre la gente applaude il Tandun di turno ;)

    RispondiElimina
  3. Non ci vuole nessuna grande abilità... è solo un fatto di disciplina. Basta poco e ti ritrovi ad ascoltare i Devo, gli Hawkind ed i Talk talk dalla mattina alla sera (è successo a me a marzo del 2003, pochi mesi dopo la conversione). Il vero trucco è veramente il tacchino freddo, come per i tossicodipendenti. Mettere i dischi in uno scatolone, pulire l'ipod... Fai finta che ogni giro di blues distorto e povero armonicamente che ascolti è come un pacco di sigarette che ti rovina i polmoni.

    RispondiElimina